Circolare nr. 4/2016 - Recupero edilizio bonus arredi - Studio Mocarelli
16483
post-template-default,single,single-post,postid-16483,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
commercialista merate lecco

Circolare nr. 4/2016 – Recupero edilizio bonus arredi

Recupero edilizio e bonus arredi: arredi agevolati nel 2016 anche per lavori iniziati a partire dal 26.06.2012

Gentile cliente, la informiamo che l’Agenzia delle Entrate, in occasione di Telefisco 2016, ha fornito
precisazioni relativamente all’applicazione del bonus arredi. Come noto, con la legge di stabilità
per il 2016 il legislatore ha introdotto una nuova proroga delle detrazioni maggiorate sui lavori
edili, di risparmio energetico e sull’acquisto dei mobili per tutto il 2016. Nel dettaglio, il
nuovo intervento legislativo ha riguardato: i) le agevolazioni sul risparmio energetico, la cui
aliquota applicabile, fino al prossimo 31.12.2016, rimane fissata al 65%; ii) le agevolazioni
sul recupero edilizio rimangono agevolate al 50% (nel limite massimo di 96.000 euro, anziché
di 48.000 euro) fino al prossimo 31.12.2016; iii) vengono prorogate le agevolazioni a favore
degli interventi antisismici; iv) viene prorogato il bonus sull’acquisto degli elettrodomestici
e dei mobili. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, per l’anno in corso, i contribuenti potranno
beneficiare delle agevolazioni sugli arredi anche con riferimento a lavori di recupero
effettuati a partire dallo scorso 26.06.2012. Pertanto, anche quei contribuenti che hanno
effettuato lavori di recupero edilizio agevolati nel corso dei precedenti anni (ma a partire dallo scorso
26.06.2012) potranno detrarre nel 2016 il 50% delle spese sostenute per mobili, arredi e grandi
elettrodomestici. Rimane in ogni caso il limite previsto per l’agevolazione: il beneficio spetta, infatti,
fino a concorrenza del limite massimo di 10.000 euro.

Scarica la circolare completa