CIRCOLARE N 7- 2017 -Regime di cassa per le imprese minori: il punto
16692
post-template-default,single,single-post,postid-16692,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
studio mocarelli merate lecco chi siamo

CIRCOLARE N 17- 2017 -Regime di cassa per le imprese minori: il punto

 

Regime di cassa per le imprese minori: il punto

 

Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarLe che l’art. 1, co. 17 – 23, della Legge di stabilità 2017 è intervenuto sulle regole di determinazione del reddito ai fini IRPEF e del valore della produzione ai fini IRAP, delle imprese in contabilità semplificata: i) introducendo il principio di tassazione improntato alla cassa dei componenti reddituali, in luogo del previgente principio di competenza, il quale resta applicabile unicamente alle imprese in regime di contabilità ordinaria; ii) demandando eventuali disposizioni attuative ad un Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze che si sarebbe dovuto adottare entro lo scorso 31.1.2017, ma alla data ancora non emanato. Il novellato regime di cassa – in vigore dal corrente periodo d’imposta – si applica ai soggetti che si avvalgono del regime di contabilità semplificata e che non hanno optato per la tenuta della contabilità ordinaria (art. 18, co. 6, DPR 600/1973). Con la recente circolare n. 11 del 13.4.2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito taluni chiarimenti in merito in materia, esaminando nello specifico le seguenti tematiche: i) i criteri per la determinazione del reddito; ii) la nuova impostazione contabile; iii) la disciplina transitoria in caso di passaggio tra diversi regimi; iv) la disciplina delle opzioni.

Circolare nr. 17-2017