circolare n. 47 Operativo l’esonero contributivo alternativo alla CIG COVID-19 - Studio Mocarelli
17356
post-template-default,single,single-post,postid-17356,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
studio mocarelli slider commercialista milano

circolare n. 47 Operativo l’esonero contributivo alternativo alla CIG COVID-19

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, con il messaggio 13.11.2020 n. 4254, l’INPS è intervenuto in merito all’esonero contributivo ex art. 3 del DL 104/2020, recentemente autorizzato dalla Commissione europea ai sensi della normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato. Tale agevolazione consiste in un esonero dal versamento dei contributi previdenziali a favore dei datori di lavoro per una durata massima di 4 mesi e fruibile entro fine anno, a condizione che i medesimi abbiano già beneficiato nei mesi di maggio e giugno 2020 dei trattamenti di CIG con causale emergenziale COVID-19 previsti dal DL 18/2020 e che non richiedano i nuovi interventi di integrazione salariale di cui all’art. 1 del medesimo DL 104/2020. Operativamente, i datori di lavoro interessati dovranno inoltrare all’INPS, tramite la funzionalità “Contatti” del Cassetto previdenziale alla voce “Assunzioni agevolate e sgravi – Sgravio Art. 3 del DL 14 agosto 2020, n. 104”, un’istanza di attribuzione del codice di autorizzazione “2Q”. In particolare, con tale istanza si autocertificano: i) le ore di integrazione salariale fruite dai lavoratori nei mesi di maggio e giugno 2020; ii) la retribuzione globale che sarebbe spettata ai lavoratori per le ore di lavoro non prestate; iii) la contribuzione piena a carico del datore di lavoro calcolata sulla predetta retribuzione globale; iv) l’importo dell’esonero.

CIRCOLARE N. 47