circolare n. 4 Legge di bilancio 2021: novità in materia di locazioni brevi - Studio Mocarelli
17410
post-template-default,single,single-post,postid-17410,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
contatti commercialista mocarelli lecco merate

circolare n. 4 Legge di bilancio 2021: novità in materia di locazioni brevi

 

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, l’art. 1, co. 595, della Legge n. 178/2020 contiene importanti novità in materia di locazioni brevi, la cui disciplina è stata introdotta nel nostro ordinamento ad opera dell’art. 4, co. 2 e 3, del D.L. n. 50/2017. In particolare, viene introdotta una presunzione in base alla quale, a partire del periodo d’imposta 2021, il regime fiscale della cedolare secca è riconosciuto per le locazioni brevisolo in caso di destinazione alla locazione breve di non più di quattro appartamenti per ciascun periodo d’imposta”.  Nel caso in cui il proprietario destini alla locazione 5 appartamenti o più l’attività di locazione, da chiunque svolta, si presume svolta in forma imprenditoriale. Viene inoltre istituita, presso il Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, una banca di dati delle strutture ricettive, nonché degli immobili destinati alle locazioni brevi, che va a sostituirsi alla “precedente” banca dati, istituita dal previgente art. 13-quater co. 4 del DL 34/2019, presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo. La banca dati raccoglie e ordina le informazioni inerenti alle strutture ricettive e agli immobili di cui sopra. Gli immobili e le strutture sono identificati mediante un codice da utilizzare in ogni comunicazione inerente all’offerta e alla promozione dei servizi all’utenza, fermo restando quanto stabilito in materia dalle leggi regionali. L’attuazione della norma è demandata ad un decreto attuativo.

CIRCOLARE N. 4