circolare n 32 D.L. Rilancio: escluso il versamento del saldo IRAP 2019 e prima rata dell'acconto IRAP 2020 - Studio Mocarelli
17276
post-template-default,single,single-post,postid-17276,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
studio mocarelli slider commercialista milano

circolare n 32 D.L. Rilancio: escluso il versamento del saldo IRAP 2019 e prima rata dell’acconto IRAP 2020

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che l’art. 24 del DL “Rilancio” prevede, a favore di imprese e lavoratori autonomi, l’esclusione dal versamento: i) del saldo IRAP relativo al periodo di imposta in corso al 31.12.2019 (2019, per i “solari”), fermo restando il versamento dell’acconto dovuto per il medesimo periodo d’imposta; ii) della prima rata dell’acconto IRAP relativo al periodo di imposta successivo (2020, per i “solari”). L’agevolazione compete indipendentemente dall’andamento del fatturato e dei corrispettivi del 2020 ed è applicabile alle imprese e a lavoratori autonomi che, nel periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del DL (vale a dire, nel 2019, per i soggetti “solari”), hanno conseguito ricavi o compensi non superiori a 250 milioni di euro. Viene espressamente previsto che la disposizione si applica nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C (2020) 1863 final “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19”. Restano in ogni caso tenuti al versamento del saldo 2019 e del primo acconto 2020 secondo le consuete modalità, in quanto espressamente esclusi dal beneficio: i) gli intermediari finanziari, le società di partecipazione finanziaria e non finanziaria (“vecchie” holding industriali), come definiti dall’art. 162-bis del TUIR; ii) le imprese di assicurazione (di cui all’art. 7 del DLgs. 446/97); iii) le Amministrazioni Pubbliche (di cui all’art. 10-bis del DLgs. 446/97).

CIRCOLARE N. 32