circolare n. 30 DL sostegni bis: le principali novità introdotte in sede di conversione - Studio Mocarelli
17808
post-template-default,single,single-post,postid-17808,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

circolare n. 30 DL sostegni bis: le principali novità introdotte in sede di conversione

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che con legge n. 106 del 23.07.2021 il legislatore ha convertito, con modifiche, il DL n. 73 del 25.05.2021, meglio conosciuto come “DL sostegni bis”. Tra le novità introdotte in sede di conversione segnaliamo, in particolare, le seguenti: i) in materia di rottamazione / saldo e stralcio viene disposta la proroga dei termini di pagamento per le rate scadute nel corso del 2020/2021; ii) viene disposta al proroga al 15.11.2021 del termine per porre in essere gli adempimenti finalizzati alla rideterminazione del costo delle partecipazioni e dei terreni; iii) vien prevista l’esenzione dal versamento dell’IMU per le persone fisiche che hanno ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità; iv) con riferimento ai mesi da gennaio a maggio 2021 viene prevista la possibilità di accedere al riformato credito d’imposta sulle locazioni, ora fruibile nella misura del 40% (locazioni) e del 20% (affitto d’azienda) da parte di imprese esercenti attività di commercio al dettaglio con ricavi superiori a 15 milioni di euro nel secondo periodo precedente a quello in corso al 26.05.2021 a condizione che soddisfino la condizione di calo del fatturato; v) il credito d’imposta su commissioni e acquisto POS prevede ora un decreto che fornisca le specifiche tecniche dei prodotti agevolati; vi) il credito d’imposta per sanificazione e dispositivi di protezione ora viene riconosciuto anche a favore delle strutture ricettive extra alberghiere a carattere non imprenditoriale munite di codice identificativo regionale o identificate mediante autocertificazione; vii) viene introdotto un credito d’imposta per la formazione professionale di alto livello che consente di fruire di un beneficio pari al 25% delle spese, nel limite massimo delle risorse disponibili e comunque nel limite di 30.000 euro di spesa per ciascuna impresa beneficiaria.

CIRCOLARE N. 30