circolare n.25 Misure a sostegno di imprese e lavoratori: chiarimenti INPS in materia di accesso a CIGO e FIS - Studio Mocarelli
17233
post-template-default,single,single-post,postid-17233,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556

circolare n.25 Misure a sostegno di imprese e lavoratori: chiarimenti INPS in materia di accesso a CIGO e FIS

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, con comunicato n. 3586/2020, il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro ha reso note le risposte pervenute dall’INPS a seguito di un tavolo dedicato alle misure emergenziali introdotte dal DL 18/2020 (“Cura Italia”). Le questioni trattate nel documento riguardano: i) gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro (artt. da 19 a 22 del DL 18/2020); ii) la sospensione dei contributi previdenziali e assistenziali. In merito al primo gruppo, l’INPS precisa che: i) nella domanda integrativa al FIS è necessario indicare solamente i lavoratori aggiuntivi; ii) se viene richiesta l’integrazione salariale per un solo lavoratore, per un totale di nove settimane, gli altri lavoratori non possono accedervi, a meno che l’azienda integri la domanda già presentata (ma sempre per il periodo indicato); iii) in caso di pagamento diretto al lavoratore, il datore di lavoro dovrà provvedere a comunicare i dati retributivi dei lavoratori esclusivamente tramite il modello SR41. Infine, l’Istituto chiarisce che l’importo da indicare nel codice di sospensione deve fare riferimento solo ai contributi previdenziali e assistenziali dovuti, al netto delle agevolazioni e degli sgravi.

CIRCOLARE N.25