circolare n. 24 D.L. Sostegni Bis: rinnovate le indennità per lavoratori autonomi e dipendenti - Studio Mocarelli
17519
post-template-default,single,single-post,postid-17519,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
studio mocarelli slider commercialista milano

circolare n. 24 D.L. Sostegni Bis: rinnovate le indennità per lavoratori autonomi e dipendenti

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, il DL 73/2021 (DL “Sostegni-bis”) rinnova le indennità emergenziali in favore di determinate categorie di lavoratori. Più nello specifico, sono riconosciuti importi pari a: i) 1.600,00 euro erogati dall’INPS in favore di lavoratori stagionali, intermittenti, occasionali, dello spettacolo e venditori a domicilio; ii) 800,00 euro erogati dall’INPS in favore di operai agricoli a tempo determinato; iii) 950,00 euro erogati dall’INPS in favore di pescatori autonomi; iv) da 2.400,00 a 800,00 euro erogati dalla società Sport e Salute spa ai collaboratori sportivi. Inoltre, introducendo all’art. 31 del DL 18/2020 i nuovi co. da 1-ter a 1-sexies, l’art. 37 del DL 73/2021 equipara all’assegno ordinario di invalidità, di cui alla L. 222/84, gli emolumenti aventi natura previdenziale, comunque denominati, erogati ai professionisti dalle rispettive Casse private a integrazione del reddito a titolo di invalidità. Ne consegue che tali emolumenti diventano cumulabili con l’indennità erogata dagli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria per il tramite delle risorse del Fondo per il reddito di ultima istanza. I professionisti che, in ragione della titolarità dei predetti emolumenti a titolo di invalidità, non avevano beneficiato dell’indennità erogata tramite le risorse del predetto Fondo, possono presentare domanda alla propria Cassa previdenziale secondo le modalità definite dal DM 28.3.2020 entro il prossimo 31 luglio.

CIRCOLARE N. 24