circolare n. 23 Forfetari start up e imposta sostitutiva al 5%: ultimi chiarimenti - Studio Mocarelli
19205
post-template-default,single,single-post,postid-19205,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
contatti commercialista mocarelli lecco merate

circolare n. 23 Forfetari start up e imposta sostitutiva al 5%: ultimi chiarimenti

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, con la risposta a interpello 20.4.2022 n. 197, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, ai fini dell’applicabilità dell’aliquota d’imposta sostitutiva pari al 5% nell’ambito del regime forfetario (art. 1 co. 65 della L. 190/2014), assumono rilevanza anche le attività svolte all’estero dalla persona fisica che, a seguito del rientro in Italia, avvia un’attività d’impresa o di lavoro autonomo. Atteso che la misura è destinata ad incentivare la nascita di nuove iniziative economiche, non può essere assimilata ad una “nuova iniziativa” l’attività di lavoro autonomo che, mantenendo le medesime caratteristiche e la medesima clientela, sia svolta in Italia a seguito del trasferimento effettivo della residenza da un Paese estero. Resta comunque possibile l’adesione al regime agevolato con applicazione dell’aliquota “ordinaria” del 15%, in presenza di tutti i requisiti di legge.

CIRCOLARE N. 23