circolare n.18 Trattamenti di integrazione salariale - CIGO, Assegno ordinario e CIG in deroga: prime istruzioni INPS - Studio Mocarelli
17188
post-template-default,single,single-post,postid-17188,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
contatti commercialista mocarelli lecco merate

circolare n.18 Trattamenti di integrazione salariale – CIGO, Assegno ordinario e CIG in deroga: prime istruzioni INPS

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, con la circolare 28.3.2020 n. 47, l’INPS ha fornito le prime istruzioni per consentire alle aziende l’accesso ai trattamenti di integrazione salariale (CIGO, Assegno ordinario e CIG in deroga) secondo le modalità speciali previste dagli artt. da 19 a 22 del DL 18/2020 (decreto “Cura Italia”). In particolare, in merito alle modalità di pagamento della CIGO “speciale” rimane inalterata la possibilità per l’azienda di anticipare le prestazioni e di conguagliare gli importi successivamente, così come la possibilità di richiedere il pagamento diretto da parte dell’INPS. Sul punto, l’INPS precisa che, in conseguenza della particolare situazione di emergenza, le aziende potranno chiedere il pagamento diretto senza l’obbligo di produrre la documentazione comprovante le difficoltà finanziarie dell’impresa. Un’ulteriore precisazione importante riguarda la possibilità di accesso alla CIGO per le aziende che, alla data del 23.2.2020, già fruiscono di un trattamento di CIGS e che devono sospendere il relativo programma a causa dell’interruzione dell’attività produttiva per effetto dell’emergenza epidemiologica. In riferimento a tale ipotesi, disciplinata dall’art. 20 del DL 18/2020, l’INPS chiarisce che sono interessate solo le aziende in CIGS che rientrano anche nella disciplina delle integrazioni salariali ordinarie, mentre per quelle escluse vi è comunque la possibilità di presentare domanda di CIG in deroga.

CIRCOLARE N. 18