circolare n. 17 Accesso a CIGO, assegno ordinario e CIG in deroga per l'anno 2021: indicazioni INPS - Studio Mocarelli
17481
post-template-default,single,single-post,postid-17481,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556

circolare n. 17 Accesso a CIGO, assegno ordinario e CIG in deroga per l’anno 2021: indicazioni INPS

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, con il messaggio n. 26.3.2021 n.1297, l’INPS ha fornito le prime indicazioni sulla gestione delle domande di CIGO, assegno ordinario, CIG in deroga e CISOA alla luce delle disposizioni introdotte dal DL 41/2021 (c.d. DL “Sostegni”). In particolare, l’Istituto ricorda che l’art. 8 del DL 41/2021 riconosce ai datori di lavoro privati che sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, la possibilità di presentare domanda di CIGO ex DL 18/2020 per una durata massima di 13 settimane, nel periodo compreso tra l’1.4.2021 e il 30.6.2021, mentre per i trattamenti di assegno ordinario e CIG in deroga di cui al DL 18/2020, la fruizione è consentita per un massimo di 28 settimane, nel periodo compreso tra l’1.4.2021 e il 31.12.2021. Per quanto riguarda le modalità di erogazione dei trattamenti, rimane inalterata la possibilità per l’azienda di anticipare le prestazioni e di conguagliare gli importi successivamente, così come la possibilità di richiedere il pagamento diretto da parte dell’INPS. In particolare, l’INPS evidenzia che l’art. 8 co. 6 del DL 41/2021 consente il ricorso al pagamento con il sistema del conguaglio anche alle aziende interessate ai trattamenti di CIG in deroga connessi all’emergenza da COVID-19, in genere destinatarie del solo pagamento diretto.

CIRCOLARE N. 17