circolare n.14 Emergenza COVID-19: definita l'indennità di 600 euro per i professionisti iscritti a Casse private - Studio Mocarelli
17166
post-template-default,single,single-post,postid-17166,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
studio mocarelli slider commercialista milano

circolare n.14 Emergenza COVID-19: definita l’indennità di 600 euro per i professionisti iscritti a Casse private

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, è stato approvato il decreto interministeriale del Ministero del Lavoro, assunto di concerto con il Ministero dell’Economia, che riconosce a lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle Casse previdenziali private un’indennità di 600,00 euro per il mese di marzo 2020 a carico del Fondo per il reddito di ultima istanza (art. 44 del DL 18/2020). I professionisti hanno accesso alla misura di sostegno nel rispetto di condizioni: i) di natura reddituale, con distinzione in due fasce; ii) di tipo contributivo, perché il richiedente deve aver adempiuto agli obblighi contributivi sul 2019. Rispetto ai limiti reddituali, l’indennità è riconosciuta ai professionisti che abbiano percepito nel 2018: i) un reddito complessivo non superiore a 35.000,00 euro, la cui attività sia stata limitata dai provvedimenti restrittivi emanati in conseguenza dell’emergenza sanitaria; ii) un reddito complessivo compreso tra 35.000,00 e 50.000,00 euro e che abbiano cessato, ridotto o sospeso la loro attività sempre a causa dell’emergenza sanitaria. Le domande sono presentate direttamente alla Cassa previdenziale cui si è iscritti, che provvede all’erogazione delle somme, previa verifica dei requisiti. Al fine di consentire la tempestiva erogazione delle somme, sono considerate inammissibili le istanze prive dei requisiti, oppure presentate dopo il 30.4.2020.

 

CIRCOLARE N. 14