circolare n. 11 Domande di accesso a CIGO, assegno ordinario e CIG in deroga COVID-19: termine ultimo 31 marzo 2021 - Studio Mocarelli
17450
post-template-default,single,single-post,postid-17450,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556

circolare n. 11 Domande di accesso a CIGO, assegno ordinario e CIG in deroga COVID-19: termine ultimo 31 marzo 2021

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, con il messaggio 9.3.2021 n. 1008, l’INPS è intervenuto in merito alla disposizione indicata all’art. 11 co. 10-bis del DL 183/2020 (c.d. decreto “Milleproroghe”), con cui sono stati differiti al 31.3.2021 i termini di decadenza scaduti entro il 31.12.2020 per l’invio delle domande di accesso ai trattamenti di integrazione salariale con causale emergenziale COVID-19 e di trasmissione dei dati necessari per il pagamento diretto o per il saldo degli stessi. Con l’occasione, l’INPS chiarisce che per quanto riguarda le domande di accesso ai trattamenti che ricadono nei periodi per cui opera il differimento dei termini, già inviate e respinte con una motivazione riconducibile alla sola tardiva presentazione della domanda (e, quindi, per intervenuta decadenza dell’intero periodo richiesto), i datori di lavoro, ai fini del riconoscimento dei periodi ricompresi nelle domande trasmesse, non dovranno riproporre nuove istanze. Invece, per quanto riguarda le domande già inviate e accolte parzialmente per i soli periodi per i quali non era intervenuta la decadenza, i datori di lavoro, ai fini dell’accoglimento anche dei periodi decaduti e rientranti nel differimento dei termini disposto dal DL 183/2020, dovranno trasmettere una nuova istanza esclusivamente per tali periodi.

CIRCOLARE N. 11