CIRCOLARE N. 1-2017- Regime di cassa per le imprese minori
16616
post-template-default,single,single-post,postid-16616,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
studio mocarelli slider commercialista milano

CIRCOLARE N. 1-2017- Regime di cassa per le imprese minori

E’ ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la legge di stabilità 2017 è intervenuta sulla tassazione delle imprese in contabilità semplificata (c.d. imprese minori) – che non hanno esercitato l’opzione per la tenuta della contabilità ordinaria ai sensi dell’art. 18, co. 6, del DPR 600/73 – prevedendo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2016 (ossia dal 2017 per i soggetti solari) l’abbandono del principio di competenza per la determinazione del reddito imponibile ai fini IRPEF (e del valore della produzione ai fini IRAP) in favore dell’adozione del principio di cassa. La prima conseguenza dell’adozione del regime semplificato consiste nell’adeguamento del sistema di registrazione contabile adottato finora, in quanto le registrazioni dovranno tenere conto delle date di incasso e di pagamento. Dal punto di vista contabile sono previste tre possibilità: i) l’istituzione dei nuovi registri cronologici dei ricavi e delle spese in cui tali componenti vanno annotati con riferimento alla data di incasso o di pagamento; ii) in luogo dell’istituzione dei registri cronologici, è ammessa la possibilità di tenere i soli registri IVA, purché questi siano “integrati” con l’annotazione separata dell’importo complessivo dei mancati incassi o pagamenti (con l’indicazione delle fatture cui le operazioni si riferiscono); tali componenti non pagati e riscossi nell’anno dovranno essere riportati sui registri IVA relativi al periodo in cui si verifica la manifestazione finanziaria. Infine, previo esercizio di un’apposita opzione (vincolante per almeno un triennio), è possibile optare per la tenuta dei registri IVA senza operare sugli stessi alcuna annotazione relativa ad incassi e pagamenti: in tal caso, opera una presunzione legale secondo cui la data di registrazione dei documenti coincide con quella di incasso o pagamento (es. tutte le fatture o documenti che risultano annotati entro il 31.12.2017, sono considerati incassati o pagati nel 2017).

Scarica la circolare completa