Legge di Bilancio 2022: tutte le novità fiscali introdotte
18343
post-template-default,single,single-post,postid-18343,single-format-standard,bridge-core-2.5.9,bridge,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-18556
legge di bilancio 2022 bonus

Circolare 7 Le novità fiscali della Legge di Bilancio 2022

Con la Legge di Bilancio 2022 (legge n. 234 del 30.12.2021) sono state introdotte numerose novità di carattere fiscale, oltre che modifiche e proroghe ad alcune delle disposizioni e degli incentivi già in vigore.

Vediamo quali sono.

Modifica aliquote IRPEF

 

A partire dal 1° gennaio 2022 c’è stata una modifica degli scaglioni IRPEF, con riduzione delle aliquote sui redditi fino a 50.000 euro e un abbassamento della soglia a cui si applica l’aliquota massima del 43%.

Viene abolita la detrazione IRPEF prevista dal Decreto Legge 3/2020 per i titolari di reddito di lavoro dipendente e alcuni redditi assimilati, perché è di fatto assorbita dalla riduzione generale delle aliquote.

Viene inoltre modificato il bonus previsto dall’articolo 1 del DL 3/2020 che ora prevede un reddito complessivo di 15.000 euro per poterne beneficiare (in precedenza 28.000 euro).

Modifica termine pagamento cartelle

 

Per le cartelle di pagamento notificate dal 1.1.2022 al 31.3.2022, il termine di pagamento è di 180 giorni e non di 60 giorni. Si tratta dell’estensione di un’agevolazione già prevista dal Decreto Legge 146/2021 per le cartelle di pagamento notificate dall’1.9.2021 al 31.12.2021.

Somministrazione gas

 

È stabilita l’aliquota IVA del 5% per le somministrazioni di gas metano (usato per combustione ad usi civili e industriali) contabilizzate nelle fatture emesse per i consumi stimati o effettivi dei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2022.

legge di bilancio 2022 bonus

Il professionista esperto nella composizione negoziata

 

La composizione negoziata coinvolge la nuova figura del professionista esperto nel campo della ristrutturazione, che ha il compito di affiancare – senza sostituire – l’imprenditore nello svolgimento delle trattative con i creditori e individuare una soluzione rivolta al superamento delle condizioni di “squilibrio” dell’impresa.

Tra le attività affidate all’esperto nella composizione negoziata ci sono:

    • l’analisi preliminare sullo stato dell’impresa e sulle prospettive di risanamento;
    • la mediazione con creditori e stakeholders;
    • la verifica della condotta dell’imprenditore e della funzionalità delle trattative rispetto all’avviato risanamento;
    • il rilascio di pareri al tribunale in caso di richiesta di misure protettive;
    • la partecipazione alle consultazioni sindacali in caso di modifiche rilevanti sui rapporti di lavoro dipendente;
    • l’espressione del giudizio finale sul percorso di composizione della crisi e sulle iniziative assunte dall’imprenditore;
    • l’intervento in sede di conclusione delle trattative con i creditori.

Aliquota prodotti igiene femminile

 

Per assorbenti e tamponi destinati all’igiene femminile, è introdotta l’aliquota IVA del 10%. Per gli stessi prodotti compostabili e lavabili l’IVA è invece del 5%.

legge di bilancio 2022 bonus

Agevolazione acquisto prima casa giovani

 

L’agevolazione “Prima casa under 36” è estesa agli atti stipulati fino al 31.12.2022. L’agevolazione è valida per l’acquisto della “prima casa” di abitazione da parte di soggetti under 36 anni, con ISEE non superiore a 40.000,00 euro.

L’agevolazione consiste:

    • nell’esenzione dalle imposte d’atto (imposta di registro, imposta ipotecaria e imposta catastale) e, per gli atti imponibili ad IVA, in un credito d’imposta pari all’IVA corrisposta in relazione all’acquisto;
    • nell’esenzione dall’imposta sostitutiva sui mutui erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione degli immobili agevolati.

Investimenti in beni strumentali (materiali e immateriali 4.0)

 

Le Legge di Bilancio 2022 ha prorogato questo incentivo fino al 2025. Con riferimento al periodo dal 2023 al 2025, viene specificato che:

    • per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi 4.0, il credito è riconosciuto solo alle imprese nella misura del 20% (investimenti fino a 2,5 milioni), del 10% (quota di investimenti in eccesso fino a 10 milioni) e del 5% (quota di investimenti in eccesso fino a 20 milioni);
    • per gli investimenti in beni immateriali strumentali nuovi 4.0 viene riconosciuto un credito nella misura del 20% per gli investimenti dal 16.11.2020 al 31.12.2023 (limite 1 milione), del 15% per gli investimenti effettuati nel 2024 (limite 1 milione) e del 10% per gli investimenti effettuati nel 2025 (limite 1 milione).

Esclusione IRAP (Imposta Regionale sulle Attività Produttive) persone fisiche

 

Secondo la nuova Legge di Bilancio restano escluse dal presupposto IRAP le persone fisiche esercenti attività commerciali, arti e professioni. Viene quindi estesa l’esenzione, che prima riguardava coloro che fruiscono del regime forfettario o che comunque non risultano dotati di autonoma organizzazione. Coloro che sono soggetti IRAP nel 2021 e che per il 2022 rientrano nelle disposizioni della Legge di Bilancio 2022 dovranno presentare la dichiarazione IRAP 2022 e versare il saldo dell’imposta. Non sono più dovuti gli acconti per l’anno successivo.

 

Rivalutazione beni d’impresa e riallineamento dei valori civili e fiscali

 

Per i maggiori valori imputati ai marchi e all’avviamento nei bilanci 2020 in base alla rivalutazione dei beni d’impresa, la deducibilità degli ammortamenti è effettuata in misura non superiore ad un cinquantesimo per periodo d’imposta.

È possibile mantenere l’ammortamento per diciottesimi, ma solo dietro il versamento di una ulteriore imposta sostitutiva, a scaglioni dal 12% al 16%, al netto dell’imposta sostitutiva del 3% pagata per la rivalutazione o per il riallineamento. Scegliendo questa opzione, per ciascun anno dal 2021 al 2038 possono essere dedotti ammortamenti per 500.000,00 euro (1/18 di 9 milioni). Viene consentita la possibilità di revocare, anche parzialmente, la disciplina fiscale della rivalutazione o del riallineamento, con modalità e termini che verranno stabiliti da un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

Non vi sono invece modifiche a questa disciplina se l’impresa ha deciso di sfruttare tali agevolazioni nei bilanci 2020 con riferimento:

    • ai beni materiali;
    • ai beni immateriali diversi da marchi e avviamento (brevetti, software, know-how, diritti di utilizzazione delle prestazioni dei calciatori, ecc.);
    • alle partecipazioni.

Limiti compensazione

 

A partire dal 1.01.2022 è disposto l’innalzamento a 2 milioni di euro del limite annuo dell’ammontare (cumulativo) dei crediti d’imposta e contributivi che possono essere utilizzati in compensazione “orizzontale” nel modello F24. Gli stessi possono anche essere rimborsati ai soggetti intestatari di conto fiscale, con la procedura “semplificata”. La Legge di Bilancio 2022 mette quindi a regime il limite di 2 milioni di euro già previsto, per il solo anno 2021, dall’art. 22 del DL 73/2021.

 

Legge di bilancio 2022: i bonus

 

Recupero patrimonio edilizio, bonus arredi e bonus verde

 

Con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, c’è stata una proroga fino al 31.12.2024 della misura potenziata del bonus, che copre ora fino al 50% con un massimale di 96.000 euro.

Una proroga analoga è stata disposta anche per il bonus mobili, ma il suo massimale di spesa è progressivamente ridotto da 16.000 a 10.000 (anno 2022) fino a 5.000 (anno 2023-2024). Anche con riferimento al bonus verde segnaliamo la proroga del termine di applicazione del beneficio fino al 31.12.2024.

 

Interventi antisismici e di riqualificazione energetica

 

Anche per gli interventi antisismici è prevista dalla Legge di Bilancio 2022 una proroga degli incentivi fino al 31.12.2024, con riferimento alle aliquote potenziate del 70-75% e del 75-85%. La proroga si estende anche al “sismabonus acquisti”.

Anche gli interventi di riqualificazione energetica vengono prorogati al 31.12.2024 nella misura potenziata odierna (con aliquota del 65% salvo eccezioni). Rientrano nella proroga anche le ipotesi di interventi congiunti di risparmio energetico con riduzione del rischio sismico.

Bonus facciate

 

La Legge di Bilancio 2022 proroga anche il bonus facciate ma, a differenza degli altri incentivi, solo per quest’anno e con aliquota ridotta dal 90% al 60%.

 

Superbonus 110%

 

Per quanto riguarda il superbonus, è invece prorogato il termine di applicazione del beneficio al 30.06.2022. In alcuni casi questo termine è ancora più ampio:

    • per gli interventi effettuati dai condomini, la detrazione spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2025, nella misura del 110% per quelle sostenute entro il 31 dicembre 2023, del 70% per quelle sostenute nell’anno 2024 e del 65% per quelle sostenute nell’anno 2025;
    • per gli interventi effettuati su unità immobiliari dalle persone fisiche (edifici unifamiliari o unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con accesso autonomo), la detrazione del 110% spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022. Questo a condizione che alla data del 30 giugno 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo;
    • per gli interventi effettuati da IACP, enti equivalenti, cooperative di abitazione a proprietà indivisa (compresi quelli effettuati dalle persone fisiche sulle singole unità immobiliari all’interno dello stesso edificio) la detrazione del 110% spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2023. Per usufruire della detrazione, alla data del 30 giugno 2023 dovranno già essere stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo.

 

Legge di Bilancio 2022: i bonus sono previsti anche per il fotovoltaico? Per questo tipo di interventi sono applicate le medesime aliquote di detrazione del 110%, 70 e 65% previste per gli interventi effettuati dai condomini alle relative soglie temporali di sostenimento della spesa.

Per l’installazione di colonnine di ricarica dei veicoli, invece, il bonus spetta solo per gli interventi eseguiti insieme ad altre operazioni di riqualificazione energetica previste dal DL n. 34/2020. Anche in questo caso, trovano applicazione le aliquote del 110%, 70 e 65% in base all’anno di sostenimento della spesa (2023, 2024 e 2025).

Parallelamente alla proroga dei bonus edilizi, la Legge di Bilancio 2022 ha allungato anche la finestra temporale per usufruire delle opzioni di sconto e cessione del credito corrispondenti alla detrazione.

Legge di Bilancio: interventi di eliminazione delle barriere architettoniche

 

Per i contribuenti è prevista una detrazione dall’imposta lorda per le spese documentate e sostenute dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022) per eliminare le la presenza di barriere architettoniche in edifici già esistenti.

La detrazione sarà ripartita in cinque quote annuali di pari importo ed è pari al 75% delle spese sostenute. Viene calcolata su un ammontare complessivo non superiore a:

    • € 50.000 per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari, che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno;
    • € 40.000 moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari;
    • € 30.000 moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.

 

La detrazione spetta anche per gli interventi di automazione degli impianti degli edifici e delle singole unità immobiliari funzionali ad abbattere le barriere architettoniche. In caso di sostituzione dell’impianto vale anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dei materiali e dell’impianto stesso.

legge di bilancio 2022 bonus

Credito Ricerca&Sviluppo

 

Anche in questo caso viene prorogato il credito d’imposta fino al 2031, mantenendo fino al 2022 le misure già previste (20% nel limite di 4 milioni di euro), mentre durante il periodo successivo l’aliquota viene ridotta al 10% (nel limite di 5 milioni di euro).

Il credito d’imposta per le attività di innovazione tecnologica, designo e ideazione estetica è prorogato fino al 2025, mantenendo per il 2022-2023 la misura del 10% e del 5% per il biennio 2024-2025.

Per le attività di innovazione tecnologica finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o migliorati (per il raggiungimento di uno degli obiettivi 4.0), il credito viene prorogato fino al 2025 nelle seguenti misure:

    • 15% nel limite di 2 milioni di euro per il 2022;
    • 10% nel limite di 4 milioni di euro per il 2023;
    • 5% nel limite di 4 milioni e di euro per il 2024-2025.

 

Credito d’imposta mezzogiorno

 

Viene modificato il perimetro “geografico” dell’agevolazione a seguito della nuova Carta degli aiuti a finalità regionale 2022-2027. In questo modo sono dati alla Regione Molise degli aiuti maggiori.

 

Sostituzione patent box con super deduzione

 

Le disposizioni del Decreto Legge fiscale hanno previsto il superamento e l’abrogazione del patent box a favore di una super deduzione che la sostituisce. Queste disposizioni sono state parzialmente modificate dalla Legge di Bilancio 2022: le opzioni per la super deduzione sono applicate a partire dal periodo 2021 e che non sono più esercitabili le opzioni per il patent box dal medesimo periodo d’imposta.

Con riferimento all’aliquota e all’ambito di applicazione, la prima viene incrementata dal 90 al 110%, mentre dall’ambito di applicazione vengono esplicitamente esclusi marchi d’impresa e know how. Viene inoltre eliminato il divieto di cumulo con il credito R&S.

 

Detrazione giovani inquilini

 

Viene modificata la detrazione IRPEF per i giovani che stipulano contratto di locazione per la propria abitazione ai sensi della legge n. 431/98. Sono interessati al beneficio i giovani di età compresa tra i 20 ed i 31 anni non compiuti e con un reddito complessivo non superiore a € 15.493,71.

A decorrere dal 1.1.2022 la detrazione spetta per i primi 4 anni di durata del contratto, a condizione che l’abitazione sia diversa dall’abitazione principale dei genitori. La detrazione è di € 991,60 oppure spetta nella misura del 20% del canone, nel limite massimo di 2000 euro di detrazione.

legge di bilancio 2022 bonus

Coltivatori diretti e Imprenditori agricoli professionali

 

Dal 2017 e fino al 2022, i terreni posseduti e condotti da CD o IAP sono esenti da IRPEF sia per il reddito dominicale che per il reddito agrario. Inoltre, i terreni che vengono affittati per coltivarli continuano a generare reddito dominicale in capo al proprietario, mentre l’esenzione dall’IRPEF si applica sul reddito agrario in capo ai CD o IAP.

 

Credito per il restauro degli impianti pubblici sportivi

 

Viene prorogato al 2022 il “Sport bonus”, ma soltanto per i titolari di reddito d’impresa.

 

Sospensione versamenti settore sportivo

 

Vengono sospesi i termini dei versamenti in scadenza nei mesi di gennaio, febbraio, marzo e aprile 2022 per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche che:

    • hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato;
    • operano nell’ambito di competizioni sportive in corso di svolgimento ai sensi del DPCM 24.10.2020.

 

Modifiche in materia IMU

 

Per gli anni 2022 e 2023 è stato stabilito che chi esercita l’attività di commercio al dettaglio e gli artigiani che iniziano, proseguono o trasferiscono la propria attività in un Comune con popolazione fino a 500 abitanti delle aree interne, possono beneficiare di un contributo per il pagamento dell’IMU.

Per il solo anno 2022, è stato stabilito che l’IMU dovuta sull’unica unità immobiliare (purché non locata o data in comodato d’uso) posseduta in Italia da soggetti non residenti nel territorio dello Stato, titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso dall’Italia, è ridotta al 37,5%.

Sostegno al credito delle imprese

 

È prorogato al 30.6.2022 il Fondo di Garanzia PMI, ma con alcune modifiche:

    • dall’1.4.2022, la garanzia sarà concessa previo pagamento di una commissione una tantum (nuovo art. 13 co. 1 lett. a) del DL 23/2020);
    • la garanzia per operazioni fino a 30.000,00 euro è ridotta, a partire dall’1.1.2022, all’80% e il rilascio della garanzia è subordinato, dall’1.4.2022, al pagamento di una commissione (nuovo art. 13 co. 1 lett. m) del DL 23/2020).

 

Malattia ed infortunio professionista e adempimenti tributari

 

In caso di malattia o infortunio del professionista anche non connessi al lavoro, è prevista:

    • la sospensione della decorrenza dei termini relativi agli adempimenti tributari a carico del professionista;
    • l’esclusione di responsabilità, e delle relative sanzioni per il professionista e il cliente, per i termini tributari che scadono nei 60 giorni successivi all’evento.

 

Viene prorogata al 30.6.2022 l’operatività della garanzia per operazioni fino a 30.000,00 euro in favore degli enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

 

Incentivi Sabatini

 

Viene rifinanziata l’agevolazione e viene previsto che il contributo statale sia erogato in un’unica soluzione solo in caso di finanziamento non superiore a 200.000,00 euro.

 

Imprenditoria femminile

 

Sono estese all’imprenditoria femminile le agevolazioni (concessione di mutui agevolati per gli investimenti, nonché di un contributo a fondo perduto fino al 35% della spesa ammissibile) per le imprese agricole a prevalente o totale partecipazione giovanile.

 

Microcredito

 

È elevato da 40.000,00 a 75.000,00 euro l’importo massimo delle operazioni di microcredito (art. 111 del DLgs. 1.9.93 n. 385). Si prevede, inoltre l’eliminazione del riferimento alla necessità che i finanziamenti siano finalizzati all’avvio o allo sviluppo di iniziative imprenditoriali o all’inserimento nel mercato del lavoro e la possibilità di concedere finanziamenti a srl fino a 100.000,00 euro.

 

Docenti e ricercatori – proroga regime

 

Per i docenti e ricercatori rientrati in Italia fino al 2019 viene riconosciuta la possibilità di prolungare il periodo agevolato da 4 a 8, 11 o 13 anni, al ricorrere di determinate condizioni legate alla presenza di figli minorenni o a carico, o all’acquisto di una unità immobiliare in Italia. Il beneficio è subordinato al pagamento di un onere, sulla base del reddito dell’ultimo periodo d’imposta.

 

Modifiche ai PIR

 

La Legge di Bilancio 2022 ha modificato i limiti dell’entità dell’investimento in PIR, prevedendo che dal 2022 gli investitori non possano superare il limite dei 40.000,00 euro l’anno (prima era 30.000,00) e il limite dei 200.000,00 euro complessivi (prima era 150.000,00).

 

Bonus acquisto TV

 

Sono rifinanziate per il 2022 le risorse per i contributi per l’acquisto di apparecchi TV, con o senza rottamazione.

Lo Studio rimane a disposizione per ogni ulteriore chiarimento e approfondimento sulla Legge di Bilancio.